Loading...
Caricamento Eventi

L’infezione cronica da virus dell’epatite C ha, in Italia, una prevalenza estremamente variabile, dallo 0.6% all’8%, a seconda dell’area geografica, tipologia di comunità e fascia di età valutata. Nel nostro paese esiste un chiaro effetto coorte con un’infezione che avuto una larga diffusione negli anni ‘50 e ’60 prevalentemente attraverso modalità iatrogene (uso di materiale sanitario non “usa e getta”) e che quindi colpisce oggi pazienti di età adulta o avanzata, con lunga durata di malattia, che hanno più frequentemente quadri più severi di malattia epatica.

I recentissimi miglioramenti nell’efficacia e tollerabilità dei nuovi regimi terapeutici antivirali per HCV (Hepatitis C Virus), che permettono pertanto una prospettiva di guarigione alla maggior parte dei pazienti infetti – molto frequentemente in modo indipendente da caratteristiche del virus, dell’ospite e dalla severità di malattia – hanno aperto nuovi scenari e sollecitato la formulazione di linee guida chiare al fine di garantire un accesso adeguato alle terapie e la più ampia possibilità di cura. La disponibilità delle nuove terapie antivirali – che hanno risvolti economici immediati non negligibili – ha altresì sollevato la necessità di formulare scelte che tengano in considerazione non soltanto l’efficacia ma anche la sostenibilità finanziaria delle stesse.

Lo scopo del corso è di fornire un aggiornamento in tema di anti-virali nella cura delle patologie epatiche e di scambiarsi opinioni ed esperienze di vari centri veneti e lombardi, al fine di creare una collaborazione interregionale.

 

Scarica la brochure